Categorie
#Nonsoloil25novembre - La cooperazione cammina con le scarpe rosse

LEAVING VIOLENCE. LIVING SAFE. Rete territoriale per supportare donne rifugiate che hanno subito violenza

Si stima che oltre il 90 per cento delle donne che hanno fatto richiesta di asilo in Italia abbiano subito una qualche forma di violenza. Sono migliaia le donne che lasciano il proprio paese per sottrarsi a una situazione di abuso e discriminazione, durante il viaggio subiscono e sono testimoni di violenze inenarrabili, a volte gli abusi e le violenze si ripetono o continuano anche in Italia. Se ne parlerà online nel coso dell’iniziativa LEAVING VIOLENCE. LIVING SAFE. Una rete territoriale per supportare le donne migranti richiedenti asilo e rifugiate che hanno subito violenza. Trieste – Online meeting su piattaforma Zoom giovedì 3 dicembre 2020, ore 9-13.45
Da 3 anni D.i.Re Donne in rete contro la violenza – la più grande organizzazione nazionale che si occupa di violenza contro le donne – ha avviato in partenariato con Unhcr, l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati, il progetto “Leaving violence. Living safe”per facilitare l’accesso ai centri antiviolenza, ai servizi e alle altre risorse sul territorio da parte di donne rifugiate, richiedenti asilo e migranti, promuovendo la diffusione di informazioni accurate e la rimozione di potenziali impedimenti alla fruizione di tali servizi. Il Centro antiviolenza G.O.A.P è una delle organizzazioni della rete D.i.Re che supporta il progetto “Leaving violence. Living safe”. Questo incontro nasce dalla volontà di stringere e rafforzare le relazioni esistenti e costruire percorsi efficaci di fuoriuscita e prevenzione della violenza sessuale, di genere e strutturale che influenza l’integrazione di donne migranti, richiedenti asilo e rifugiate. A causa del recente riacutizzarsi della diffusione del virus Covid19, l’incontro si terrà online sulla piattaforma Zoom. Le credenziali per l’accesso sono in calce.
PROGRAMMA
9.00-9.15 Accesso dei/lle partecipanti alla riunione su Zoom
9.15-9.45 Presentazione dei/lle partecipanti e introduzione
9.45-10.00 Il progetto Leaving violence. Leaving safe
Rebecca Germano, D.i.Re, coordinatrice del progetto
10.00-10.15 Il fenomeno della violenza contro le donne rifugiate e richiedenti asilo:
nei paesi d’origine, in transito e in Italia
Nardos Neamin, Unhcr Protection Associate SGBV
10.15-10.25 Domande e risposte
10.25-10.40 L’accoglienza di donne richiedenti asilo che hanno subito violenza
nel territorio di Trieste
Enkeleida Saraci, ICS, Ufficio rifugiati – Trieste
10.40-10.50 Domande e risposte
10.50-11.05 Dal centro antiviolenza all’autonomia delle donne
Laura Cogoy, operatrice, Centro antiviolenza G.O.A.P. – Trieste
Nermeen Hamza, operatrice, Centro antiviolenza G.O.A.P. – Trieste
11.05-11.15 Domande e risposte
11.15-11.30 La mediazione cultural nel percorso di fuoriuscita dalla violenza
di donne migranti richiedenti asilo e rifugiate
Alan Amin, ICS – Ufficio rifugiati – Trieste
11.30-11.40 Domande e risposte
11.40-11.50 Pausa (caffè a casa propria, nel proprio ufficio)
11.50-12.05 Uscire dalla tratta al tempo del Covid
Hérmine Gbedo – Stella Polare – Trieste
12.05-12.15 Domande e risposte
12.15-12.45 La protezione internazionale oggi. Domande e risposte
Matteo Valentinuz, Unhcr RSD Associate
12.45-13.00 Domande e risposte
13.00-13.30 Ripensare l’accoglienza per costruire percorsi efficaci di fuoriuscita e prevenzione
della violenza per donne migranti, richiedenti asilo e rifugiate
Discussione tra le organizzazioni e istituzioni del territorio
facilitata da Cristiana Scoppa, D.i.Re – Nardos Neamin, Unhcr Protection Associate SGBV
13.30-13.45 Definizione dei prossimi passi e chiusura evento.
Informazioni e contatti: GOAP, Laura Cogoy, laura.cogoy@goap.it, tel. 040 3478778
Accesso alla piattaforma Zoom
Meeting: Leaving violence. Living safe – Networking Event Trieste
Data e orario: 3 dicembre 2020, dalle ore 09:00
Link Zoom Meeting: https://zoom.us/j/95254744068
ID riunione: 952 5474 4068